LA CELLULITE

La “Cellulite” meglio identificarla con il termine “Pannicolopatia edematofibrosclerotica “, colpisce circa l’80-95 % delle donne, dopo la pubertà.

Non è solo un inestetismo, è un’ infiamazione dei tessuti sottocutanei. Lo strato di pelle superficiale dove compaiono i bozzetti, si chiama epidermide.

La cellulite si froma molto più in profondità : nel derma, che nutre l’epidermide, dove si trovano le cellule adipose. Tra queste passano i capillari che formano il microcircolo sanguigno e linfatico, questi capillari: raccolgono le sostanze di scarto e rilasciano ossigeno e nutrimento alle cellule.

Un’alimentazione scorretta, lo stress, il fumo, la carenza di attività sono solo alcune delle cause che mandano in tilt il microcircolo. Rallentando l’espulsione di scorie e tossine dalle cellule, gli adipociti si gonfiano e si avvicinano sempre di più schiacciando il microcircolo che non ossigena più i tessuti…Le cellule si infiammano e in superficie la pelle diventa opaca, fredda e simile alla buccia d’arancia.

La cellulite è fisiologica nelle donne perchè la sua formazione è legata all’attività ormonale, questi ormoni favoriscono il ristagno dei liquidi tra le cellule.. Motivo per cui durante il ciclo mestruale la ritenzione idrica aumenta.

Dipende molto anche dalla genetica!

L’alimentazione gioca un ruolo importante nella formazione della cellulite: insaccati, latticini, cibi confezionati e salati producono molte tossine e affaticano il microcircolo.

Anche lo stile di vita sedentario è responsabile degli antiestetici bozzetti e della pelle molle.

RIMEDI:

Crema anticellulite (senza tensioattivi o siliconi), agisce in superficie e rende la grana della pelle più liscia e omogenea..

Ma, come ben si sa, la cellulite si forma in profondità, ed è qui che devi agire. Aiutando il tuo corpo a drenare i liquidi con tisane diuretiche, con integratori depurativi naturali a base di estratti vegetali, (Ad esempio: pilosella, betulla, frassino) che ti aiutano a liberare le cellule dalle tossine e a depurare il tuo corpo.

Gli integratori naturali per gli inestetismi della cellulite sono molto più indicati.

TIMO

ECCOCI con il sesto dei nostri appuntamenti con cui vi accompagneremo nel mondo degli aromi e degli oli essenziali.
Questa settimana vogliamo parlarvi del “TIMO”
Il suo nome botanico è “Thymus vulgaris”, originario della regione Mediterranea occidentale, è una piantina che si può trovare facilmente sulle nostre montagne o nei nostri orti.

Svolge una funzione antisettica e può essere usato in tutti i casi di infezione batterica, virale o fungina.
E’ tossico per via orale a dosi relativamente basse e molto irritante sulla pelle.
Valido nelle infezioni resistenti agli antibiotici.
Viene molto ulitizzato nelle malattie respiratorie per la sua attività balsamica, nelle infezioni intestinali che portano diarrea.. sulla cute per foruncoli, verruche, unghie incarnite, ferite infette.. Può essere utilizzato anche in pomate antireumatiche e antidolorifiche per la sua azione revulsiva.

ECCO ALCUNI ESEMPI DEL SUO IMPIEGO:

UNGHIE INCARNITE: bagnare una garza sterile con 2 gocce di timo, 2 di tea tree e 2 di lavanda, applicare sull’unghia e fasciare non troppo stretto.
fare pediluvi con sali curativi almeno 2 volte al giorno.

FORUNCOLI: applicare un cerotto sulla cui parte in garza è stata fatta cadere una goccia di timo. due volte al giorno disperdere 2-3 gocce di timo in acqua calda ed eseguire impacchi.

PELLE ACNEICA: sui foruncoli più grossi ed infiammati fare toccature con timo e lavanda oppure impacchi caldi con 1-2 gocce degli stessi oli,1-2 volte al giorno.

NOTA BENE: si consiglia sempre di verificare la tollerabilità individuale alle essenze prima di utilizzarle, usandole prima in piccolissime quantità diluite in acqua, olio vegetale(es. mandole) oppure in crema neutra. Solo dopo aver accertato che non comporta reazioni allergiche, utilizzarle in concentrazioni maggiori.

E voi avete mai usato questo fantastico olio?Per qualsiasi curiosità o chiarimento non esitate a contattarci al numero 3937190486 o tramite il nostro FACEBOOK https://www.facebook.com/soluzionebenesseretv/

Appuntamento alla prossima settimana anche nel nostro blog per conoscere meglio l’olio essenziale di MENTA
Condividete! #soluzionebenessere #oliiessenziali

timo

PATCHOULY

ECCOCI con il quinto dei nostri appuntamenti con cui vi accompagneremo nel mondo degli aromi e degli oli essenziali.
Questa settimana vogliamo parlarvi del “PATCHOULY”
Il suo nome botamico è “Pogostemon cablin”
E’ diventato famoso negli anni sessanta perchè il suo aromma dolciastro copriva molto bene il fumo della cannabis, questo ha daneggiato un po’ la sua immagine perchè viene tutt’ora considerato l’olio della trasgressione.

Svolge un’azione antibatterica e antinfiammatoria cutanea, e’ indicato nei problemi di pelle : acne, pelle secca, dermatiti, capelli sfibrati, infezioni fungine..
Risolleva il morale dei depressi mentre calma l’agitazione degli ansiosi.

ECCO ALCUNI ESEMPI DEL SUO IMPIEGO:
ACNE: pulire il viso con gel aloe e applicare quotidianamente crema tea tree con 2 goccie di patchouly.
1 volta a settimana fare maschera all’argilla.

MICOSI DELLE UNGHIE: applicare sull’unghia 2 goccie di patchouly e 2 di tea tree puri.
Coprire con un cerotto e fare mattina e sera pediluvi.

CAPELLI SFIBRATI: sciogliere in 2 cucchiai di maschera capelli 4 goccie di patchouly e 3 di rosmarino. Applicare e lasciare in posa per 10 minuti, sciacquare con acqua tiepida.

NOTA BENE: si consiglia sempre di verificare la tollerabilità individuale alle essenze prima di utilizzarle, usandole prima in piccolissime quantità diluite in acqua, olio vegetale(es. mandole) oppure in crema neutra. Solo dopo aver accertato che non comporta reazioni allergiche, utilizzarle in concentrazioni maggiori.

E voi avete mai usato questo fantastico olio?Per qualsiasi curiosità o chiarimento non esitate a contattarci al numero 3937190486 o tramite il nostro FACEBOOK https://www.facebook.com/soluzionebenesseretv/

Appuntamento alla prossima settimana anche nel nostro blog per conoscere meglio il TIMO
Condividete! #soluzionebenessere #oliiessenziali

patchouly

ARANCIO

ECCOCI con il quarto dei nostri appuntamenti con cui vi accompagneremo nel mondo degli aromi e degli oli essenziali.
Questa settimana vogliamo parlarvi dell’ “ARANCIO” un olio noto come “Arancio della Cina”
 
Il suo nome botamico è “Citrus aurantium”.
E’ una pianta di origine Asiatica appartenente alla famiglia delle rutacee.
 
E’ utilissimo negli stati di stress, di ansia e nell’insonnia, il suo aroma dolce, delicato e gradevole lo rende adatto ai bambini, nei quali favorisce il sonno.
E’ utile in tutti i disturbi della digestione perchè stimola la produzione di succhi gastrici e combatte meteorismo e flatulenza.
In cosmesi si usa per il trattamento delle pelli scenescenti, per contrastare le rughe ma NON va mai utilizzato prima dell’esposizione al sole.
Stimola l’appetito e il buon umore perchè ha azione rasserenante.
 
ECCO ALCUNI ESEMPI DEL SUO IMPIEGO:
 
IRRITABILITA’: diluire in una tazza di acqua calda o tisana 1-2 gocce di Arancio mescolare ad un cucchiaino di miele.
 
IGENE ORALE E GENGIVITI: mescolare 1-2 gocce di arancio, limone e tea tree in acqua e risciacquare la bocca più volte.
 
CELLULITE: massaggiare le parti interessate mattimo e sera con gocce di arancio e tre di patchouly disciolte in crema anticellulite effetto urto.
 
NOTA BENE: si consiglia sempre di verificare la tollerabilità individuale alle essenze prima di utilizzarle, usandole prima in piccolissime quantità diluite in acqua, olio vegetale(es. mandole) oppure in crema neutra. Solo dopo aver accertato che non comporta reazioni allergiche, utilizzarle in concentrazioni maggiori.
 
E voi avete mai usato questo fantastico olio?Per qualsiasi curiosità o chiarimento non esitate a contattarci al numero 3937190486 o tramite il nostro facebook  https://www.facebook.com/soluzionebenesseretv/
 
Appuntamento alla prossima settimana anche nel nostro blog per conoscere meglio il PATCHOULY
Condividete! #soluzionebenessere #oliiessenziali

arancio

LAVANDA

ECCOCI con il terzo dei nostri appuntamenti con cui vi accompagneremo nel mondo degli aromi e degli oli essenziali. Questa settimana vogliamo parlarvi della LAVANDA un olio noto come “Lavanda dei giardini”
Il suo nome botamico è lavandula vera, lavandula officinalis. Originario del bacino mediterraneo, diffuso soprattutto nell’ Europa meridionale.
Svolge un’azione rilassante sui muscoli striati, sulla muscolatura viscerale, sulla psiche, sulle emozioni e questo lo rende utile nei campi intestinali e nei dolori mestruali, nelle contratture muscolari, negli stati di agitazione nervosa, nello stress e in caso di insonnia o cattiva qualità del sonno. Il suo profumo così fresco e dolce aiuta a superare i momenti di ansia e gli attacchi di panico.
E’ un toccasano per la pelle: lenisce gli arrossamenti, calma il prurito, aiuta la guarigione delle ferite e rende le cicatrici meno evidenti.
E’ l’unico olio essenziale che può essere utilizzato puro sulla pelle anche per lunghi periodi.
Ecco alcuni esempi del suo impiego:
OTTITI E MAL D’ORECCHIE: applicare nell’orecchio 1-2 goccie di lavanda pura, coprire con panno caldo, ripete 2-3 volte al giorno per 3-4 giorni.
USTIONI: applicare la lavanda sulla scottatura. Per le scottature solari applicare 5-6 goccie di lavanda e 2-3 di menta (per rinfrescare) mescolare al dopo sole.
PIAGHE E FERITE RECIDIVANTI: applicare 2 volte al giorno una miscela di 3 goccie di limone e 5 di lavanda sciolte in un cucchiaio di olio di oliva.
NOTA BENE: si consiglia sempre di verificare la tollerabilità individuale alle essenze prima di utilizzarle, usandole prima in piccolissime quantità diluite in acqua, olio vegetale(es. mandole) oppure in crema neutra. Solo dopo aver accertato che non comporta reazioni allergiche, utilizzarle in concentrazioni maggiori.
E voi avete mai usato questo fantastico olio?Per qualsiasi curiosità o chiarimento non esitate a contattarci al numero 3937190486 o tramite il nostro facebook https://www.facebook.com/soluzionebenesseretv/
Appuntamento alla prossima settimana anche nel nostro blog per conoscere meglio L’ARANCIO.